La sedazione cosciente è un trattamento medico controllato che non comporta la perdita dei riflessi ossia la capacità di poter respirare e di rispondere in maniera adeguata agli stimoli fisici ed ai comandi verbali, quindi il paziente è parzialmente cosciente ed in respiro spontaneo.

Lo scopo è quello di fornire una condizione di rilassamento, amnesia e controllo del dolore durante la procedura odontoiatrica.

Questa tecnica anestesiologica è particolarmente indicata per i pazienti che si sottopongono ad interventi più o meno lunghi ed invasivi e per i pazienti con difficoltà di collaborazione, con fobie o attacchi di panico.

I vantaggi offerti dalla sedazione cosciente sono molteplici sia per il chirurgo, data la maggiore collaborazione da parte del paziente, sia per il paziente stesso che durante l’intervento gode di uno stato di rilassamento fisico e psichico.

I pazienti che decidono di ricorrere alla sedazione vengono attentamente valutati dall’Anestesista prima di qualsiasi procedura odontoiatrica, in particolare quelli affetti da patologie cardiovascolari, neurologiche e con anamnesi positiva per allergie di diversa origine.

Durante l’intervento i pazienti sono costantemente monitorizzati e controllati mediante il rilevamento dei parametri vitali (pressione arteriosa, frequenza cardiaca e respiratoria), del livello di ossigenazione del sangue e del livello di coscienza mediante risposta a stimoli fisici e verbali. Il paziente viene dimesso dallo studio dentistico solo quando i parametri vitali sono simili a quelli pre-sedazione, se è sveglio ed orientato e se non c’è evidenza di malessere di alcun tipo.

CONDIVIDI SU